METEO

MTB CHAT

giovedì 1 agosto 2013

La vecia ferrovia .........

PRONOSTICI DIFFICILI ALLA “VECIA FEROVIA”
DOMENICA ANCHE PAULISSEN TRA I BIG

La gara che domenica parte da Ora (BZ) e sale fino a Molina in Val di Fiemme è un must
Lex iridato Paulissen sconvolge i pronostici. Al via anche Ragnoli, Franzoi, Schweiggl e Pallhuber
Al femminile sarà sfida fra Gaddoni, Ferrari, Kaltenhauser, Menapace e Paolazzi
Sulle orme del vecchio trenino nella gara della Polisportiva Molina saranno in 1400


La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme, quarta tappa di Trentino MTB, non finisce mai di stupire. Evidentemente la mountain bike non va in ferie e così domenica 4 agosto al via di Ora ci sarà un parterre decisamente importante, arricchitosi nella serata di ieri con nuovi nomi di atleti che puntano senza ombra di dubbio molto in alto. Primo fra tutti quello di Roel Paulissen, già campione del mondo marathon, pronto ad inserirsi nella sfida che vede in prima fila Ragnoli, Pirazzoli, Pallhuber, Cominelli, Deho, Schweiggl, Franzoi, Mensi e Baretto, a cui si aggiungono i colombiani Arias Cuervo, Botero Salazar, Caro Silva e Jimenez Vargas. Altri stranieri, le cui adesioni sono arrivate tardi, non sono stati accettati.
La gara si preannuncia incandescente anche tra le donne. Anna Ferrari, una habitué della Vecia Ferovia dela Val de Fiemme, troverà pane per i propri denti sulla dolce ma continua salita che da Ora porta in Val di Fiemme. Nella lista degli iscritti, ormai a quota 1400, compaiono Elena Gaddoni, la temibile tedesca Barbara Kaltenhauser e le protagoniste di Trentino MTB Lorenza Menapace e Claudia Paolazzi, oltre alle quotate Zocca, Coslop e Segalla. 
Lappuntamento in off road, da sempre in calendario la prima domenica di agosto, è un “must” e non solo per i campioni. Come sempre la Vecia Ferovia dela Val de Fiemme è un evento ambito anche per i non tesserati, oltre 300 anche questanno.
Il percorso per questa 17.a edizione è stato leggermente modificato ed allungato a 44 km, aumentando la spettacolarità soprattutto con linserimento del passaggio nel biotopo di Castelfeder, tagliando così anche parte del breve tratto in asfalto che da Egna saliva a Pinzano. La caratteristica della gara è proprio la piacevolezza del percorso, con passaggi “storici” nelle cinqueantiche gallerie dove transitava il vecchio trenino e sui viadotti ferroviari come quello di Gleno, a balcone sulla Valle dellAdige.
Da qualche anno, dopo il transito da Molina di Fiemme e prima del traguardo di Piazzol, è stata inserita una vera e propria “trappola”, il Muro della Pala: una breve ma impegnativa salita con 100 metri di dislivello in meno di un chilometro con tratti da “urlo”.
La Polisportiva Molina non si ferma alla sola gara dei “grandi”, sabato pomeriggio infatti, sempre a Molina, ci sarà la classica Mini Ferrovia dedicata ai bikers dai 7 ai 16 anni e che fa parte del circuito “Minibike Fiemme, Fassa e Primiero 2013”.